cinque qualità del Taijiquan

Cosa è, o non è, il Taijiquan, quali sono i principi cardine che lo governano e come deve essere praticata la Forma e/o il Tuishou al fine di comprendere un’arte marziale che muove forze (o energie) in modo sostanzialmente diverso da altri stili (esterni) duellistici da combattimento?

Chiunque ha studiato in modo approfondito la teroria del Taijiqaun e al contempo ha praticato e imparato da un vero insegnante di questa materia – ovvero qualcuno che incarni fisicamente i principi dell’arte qui trattata – conosce bene quanto la sensazione corpo-mente sia diversa rispetto a quella provata quando si entra in contatto con praticanti di altre arti marziali.

Allo scopo di fare chiarezza – ovvero cercare di spiegare cosa possiede questo stile marziale e quali sono le sue differenze con gli altri stili – ho scritto vari articoli che possono aiutare tutti i praticanti a capire cosa sia e come vada praticato il Taijiquan.

Di seguito vengono spiegate le qualità fondamentali (o Jin più importanti) del Taijiquan che, nel lignaggio Yang, spesso sono note come “cinque qualità”. Queste, insieme ai Cinque Passi (o 5 direzioni), gli “8 cancelli” e i 13 principi, sono un ottimo punto di partenza per comprende questa arte marziale interna.

ZHAN NIAN, TING, DONG, HUA, NA, YIN e FA

Per comprendere il significato profondo di una qualsiasi arte marziale è importante cercare di comprenderne anche la terminologia chiave di base. Nel caso particolare del Taijiquan vanno comprese, tra le molteplici cose, i termini legati ad alcuni jin (forze addestrate) chiave che possono essere messi in sequenza mentre si impara o esercita il tuishou o il taolu

Accedi per continuare a leggere

Già iscritto?

Accedi per continuare a leggere se sei già iscritto/a su TaijiGate.

Altrimenti abbonati su TaichiBlog

Iscriviti!

Abbonati su TaichiBlog per accedere ai contenuti esclusivi e ai Classici del Taijiquan.

Per continuare a leggere fai un abbonamento online su TaichiBlog e accedi agli articoli di approfondimento e all’intera traduzione dei 10 più importanti manuali della storia cinese sul Taijiquan, noti come “Classici” di Wang, di Wu(Hao), di Li, di Wu, degli Yang e dei Chen.
Centinaia di pagine tradotte (e spiegate) per la prima volta dal cinese in una lingua dell’UE (l’italiano).
I contenuti esclusivi che trovi su TaichiBlog non li trovi su nessuna pubblicazione cartacea o digitale.

Buona pratica e ricerca a tutti.
© Valerio Bellone

Scritto da:

Valerio Bellone

Ho praticato in modo ludico arti marziali sin da quando ero bambino: Judo, Karate, Muay Thai, Kali Filipino, Silat, Close Combat. Infine ho incontrato il Taijiquan e da quel momento ho dedicato tutto me stesso alla pratica, alla ricerca e allo studio di quest'arte.
Il mio percorso nel Taijiquan è iniziato con il wushu moderno (Taijiquan in forma sportiva) e successivamente ho approfondito lo stile di Cheng Man Ching per poi passare ad altri filoni di insegnamento derivati dalla tradizione antica della famiglia Yang.
Tengo anche corsi di gruppo e per istruttori nella città di Palermo. Puoi approfondire la mia conoscenza su questa pagina.