“Per essere forti non bisogna rendersi rigidi come un muro, ma essere fluidi come l’acqua. L’acqua di un fiume è un’alternanza di riposo e moto. Quando riposa dà il tempo alle impurità di poggiarsi sul fondo e quando riprende il moto si arricchisce di nuove sostanze. Ma l’acqua del fiume ha una memoria e non dimentica qual è la sua fonte; anche quando arriva al cospetto del grande mare porta con sé il suo passato e i suoi passaggi.
L’acqua è ricca perché conosce quel che ha incontrato, non ha alzato muri, semmai li ha abbattuti. L’acqua sa di cosa è fatta la propria essenza, i muri sanno essere soltanto decisivi.”

© Valerio Bellone

Scritto da:

Valerio Bellone

Ho praticato in modo ludico arti marziali sin da quando ero bambino: Judo, Karate, Muay Thai, Kali Filipino, Silat, Close Combat. Infine ho incontrato il Taijiquan e da quel momento ho dedicato tutto me stesso alla pratica, alla ricerca e allo studio di quest'arte.
Il mio percorso nel Taijiquan è iniziato con il wushu moderno (Taijiquan in forma sportiva) e successivamente ho approfondito lo stile di Cheng Man Ching per poi passare ad altri filoni di insegnamento derivati dalla tradizione antica della famiglia Yang.
Tengo anche corsi di gruppo e per istruttori nella città di Palermo. Puoi approfondire la mia conoscenza su questa pagina.