energia della mente

Triangolo della conoscenza

La conoscenza andrebbe vista come un triangolo nel quale ogni lato ha medesima importanza, specialmente in pratiche interne come il Taijiquan o il Qi Gong.

Il “primo” lato del triangolo rappresenta la parte teorica di una materia. Qualsiasi tecnica non supportata da un fondamento teorico non può essere una buona tecnica.
Il “secondo” lato del triangolo sono le tecniche o le qualità della materia che si vuole imparare. Qualsiasi teoria priva del metodo utile ad applicarla rimane soltanto teoria, quindi è come una conoscenza morta.
Il “terzo” lato del triangolo è la pratica. Sebbene teoria e tecnica siano indispensabili, senza una pratica costante nel lungo periodo non si può giungere a nessuna vera trasformazione importante e si rimane nell’ambito dell’illusione e dell’auto inganno.

Qualsiasi nuovo percorso della conoscenza trasformativa si decida di intraprendere è bene appurare se si potrà entrare in possesso dell’intero processo che porta alla chiusura del triangolo.
Viceversa si rischia di perdere tempo e talvolta anche denaro, soprattutto quando gli insegnanti non sono veri Maestri e rilasciano la conoscenza a piccole dosi funzionali al proprio introito economico.
Molto spesso i praticanti di Taijiquan imparano tecniche senza conoscere la teoria, ovvero senza studiare i testi Classici utili a comprendere la materia – Per una lettura completa dei testi Classici vai a questa pagina. In altri casi alcuni praticanti conoscono la teoria ma non sono in possesso delle tecniche corrette per svilupparla (per le tecniche serve un maestro generoso – ormai è raro incontrarne uno tanto a oriente quanto a occidente). In altri casi ancora alcuni praticanti hanno la fortuna di conoscere la teoria e avere dei veri Maestri, eppure gli manca la dedizione necessaria per la pratica costante. In tutti e tre questi casi menzionati, quando anche un “lato del triangolo” rimane aperto, si perderà solo il proprio tempo.

 


I sei livelli dell’energia da addestrare nel Taijiquan

1. Li (力)

Forza fisica esterna, capacità atletica (si acquisisce velocemente semplicemente allenando il corpo in modo ginnico).
Questo è il primo livello base, quello nel quale dimorano tutti gli sportivi. Chi studia arti interne come il Taijiquan non dovrebbe ristagnare a questo livello, dato che si tratta solo di un prerequisito di base che bisognerebbe avere e allenare sino a una certa età. Quindi è molto importante, per passare al livello successivo non fare eccessivo affidamento sulla forza muscolare che rischia di bloccare il processo trasformativo…

Accedi per continuare a leggere

Già iscritto?

Accedi per continuare a leggere se sei già iscritto/a su TaijiGate.

Altrimenti abbonati su TaichiBlog

Iscriviti!

Abbonati su TaichiBlog per accedere ai contenuti esclusivi e ai Classici del Taijiquan.

Per continuare a leggere fai un abbonamento online su TaichiBlog e accedi agli articoli di approfondimento e all’intera traduzione dei 10 più importanti manuali della storia cinese sul Taijiquan, noti come “Classici” di Wang, di Wu(Hao), di Li, di Wu, degli Yang e dei Chen.
Centinaia di pagine tradotte (e spiegate) per la prima volta dal cinese in una lingua dell’UE (l’italiano).
I contenuti esclusivi che trovi su TaichiBlog non li trovi su nessuna pubblicazione cartacea o digitale.

Buona pratica e ricerca a tutti.
© Valerio Bellone

Scritto da:

Valerio Bellone

Ho praticato in modo ludico arti marziali sin da quando ero bambino: Judo, Karate, Muay Thai, Kali Filipino, Silat, Close Combat. Infine ho incontrato il Taijiquan e da quel momento ho dedicato tutto me stesso alla pratica, alla ricerca e allo studio di quest'arte.
Il mio percorso nel Taijiquan è iniziato con il wushu moderno (Taijiquan in forma sportiva) e successivamente ho approfondito lo stile di Cheng Man Ching per poi passare ad altri filoni di insegnamento derivati dalla tradizione antica della famiglia Yang.
Tengo anche corsi di gruppo e per istruttori nella città di Palermo. Puoi approfondire la mia conoscenza su questa pagina.