mente scimmia

L’articolo che segue è il quarto di una serie utile a comprendere i processi e i metodi interni reali del Taijiquan. A tal proposito, prima dell’articolo qui presente, potresti leggere: 1) Il vero qi nel contesto del Taijiquan – 2) Shen, yi, qi nel Taijiquan e nel Qi Gong – 3) La catena di comando shen-yi-qi-corpo

Premessa

La tua “mente scimmia” (xin yuan, 心猿) è la conversazione (o il brusio) di sottofondo perennemente presente nella tua vita. Non sempre questa “conversazione” ha un senso logico, talvolta è molto rumorosa e altre volte più silenziosa, ma è comunque presente. È un “rumore” che abita nel passato, ti proietta nel futuro e giudica/classifica il presente in base alle esperienze passate e alle aspettative future. La tua mente scimmia (da ora MS) interrompe la catena di comando che dovresti adoperare nel Taijiquan, ovvero shen-yi-qi-corpo e questo ti rende inefficace (o falso) in questo tipo di pratica. Il flusso di questa catena di comando non richiede forza ma necessita di segnali limpidi. E la tua MS corrompe o interrompe costantemente questi segnali.

Nella pratica

Quando i principianti eseguono il secondo movimento della forma “taiji qi shi” (太极起势), ovvero “inizio del taiji” – movimento comunemente noto come “alzare le mani” – lasciano che la loro MS interrompa la catena di comando di shen-yi-qi. Per fare questo movimento nel modo corretto non bisognerebbe mai usare la forza bio-meccanica ma piuttosto si deve proiettare yi-qi

Accedi per continuare a leggere

Già iscritto?

Accedi per continuare a leggere se sei già iscritto/a su TaijiGate.

Altrimenti abbonati su TaichiBlog

Iscriviti!

Abbonati su TaichiBlog per accedere ai contenuti esclusivi e ai Classici del Taijiquan.

Per continuare a leggere fai un abbonamento online su TaichiBlog e accedi agli articoli di approfondimento e all’intera traduzione dei 10 più importanti manuali della storia cinese sul Taijiquan, noti come “Classici” di Wang, di Wu(Hao), di Li, di Wu, degli Yang e dei Chen.
Centinaia di pagine tradotte (e spiegate) per la prima volta dal cinese in una lingua dell’UE (l’italiano).
I contenuti esclusivi che trovi su TaichiBlog non li trovi su nessuna pubblicazione cartacea o digitale.

Buona pratica e ricerca a tutti.
© Valerio Bellone

Scritto da:

Valerio Bellone

Ho praticato in modo ludico arti marziali sin da quando ero bambino: Judo, Karate, Muay Thai, Kali Filipino, Silat, Close Combat. Infine ho incontrato il Taijiquan e da quel momento ho dedicato tutto me stesso alla pratica, alla ricerca e allo studio di quest'arte.
Il mio percorso nel Taijiquan è iniziato con il wushu moderno (Taijiquan in forma sportiva) e successivamente ho approfondito lo stile di Cheng Man Ching per poi passare ad altri filoni di insegnamento derivati dalla tradizione antica della famiglia Yang.
Tengo anche corsi di gruppo e per istruttori nella città di Palermo. Puoi approfondire la mia conoscenza su questa pagina.