forme stile yang

Ogni conoscenza umana muta con il passare delle generazioni così da adattarsi ai tempi e alle persone che incontra lungo il cammino, usando queste come ponti utili a viaggiare nel tempo. Quel che non muta muore, viene perso o dimenticato.

PREMESSA

Come tutto il resto, anche le “forme” (sequenze codificate di movimenti) del Taichi con il passare dei secoli evolsero attraverso maestri che le assimilarono a loro volta dai chi li precedette. Questo è del tutto normale, a maggior ragione quando parliamo di un’arte corporea che il più delle volte si è tramandata per via fisica e orale.

Premettendo che nutro un immenso rispetto e senso di gratitudine nei confronti di chi ha creato, evoluto e tramandato il Taiji, spero di non risultare irrispettoso scrivendo quanto segue.

Bisogna riconoscere una verità storica (trasversale nella storia dell’intera umanità): un tempo la maggior parte delle persone non erano alfabetizzate.
Nella maggior parte dei casi i maestri di Taichi del passato (ovvero quelli che precedono la seconda metà del ‘900) erano dei contadini, poco istruiti e spesso analfabeti. Questo spiega le poche scritture e informazioni frammentate in merito al Taijiquan (arte marziale) che solo dalla seconda metà del ‘900 inizia a vivere sui libri, facendo emergere prove scritte della sua esistenza concreta.

Molti maestri di Taichi recenti (ma persino alcuni storici e studiosi cinesi) hanno narrato per lungo tempo che l’assenza di scritture antiche in merito al Taijiquan trovava risposta nella volontà di mantenere segreta la pratica. Questa è una falsità storica, figlia del tipico atteggiamento difensivo e senso di rispetto patriottico cinese.
Non è un caso che appena l’istruzione venne divulgata a una fetta di popolazione più ampia, iniziarono ad apparire decine di scritti, seguiti da altri mezzi di diffusione, quali la fotografia e i filmati. Dimostrando che in realtà c’è sempre stata la volontà di trovare soluzioni utili a tramandare quest’arte nel miglior modo possibile ai propri discepoli.
In effetti solo un pazzo paranoico ambirebbe a portare nella tomba quello che ha ricercato per un’intera vita, senza volerlo trasmettere a dei successori, nel modo più chiaro e comprensibile possibile.

In ogni caso questa effettiva scarsezza di materiale scritto antico, mista alla difficoltà di tradurre dal cinese arcaico all’inglese moderno, ha generato non poca confusione. E le lacune della conoscenza sono state talvolta riempite con storie create ad arte.

In questo specifico articolo riporto quindi alcune informazioni che possono aiutare a capire e fare chiarezza sulle differenze e le peculiarità delle forme codificate originali della famiglia Yang.

 

LE FORME DELLA FAMIGLIA YANG

Innanzitutto, dobbiamo fare chiarezza e separare le diverse forme, capendo che ognuna di esse ha delle varianti.
Esistono solo 2 forme originali nella famiglia Yang: la forma Da Jia (o Lian Jia) e la forma Xiao Jia (o Yong Jia)

Accedi per continuare a leggere

Già iscritto?

Accedi per continuare a leggere se sei già iscritto/a su TaijiGate.

Altrimenti abbonati su TaichiBlog

Iscriviti!

Abbonati su TaichiBlog per accedere ai contenuti esclusivi e ai Classici del Taijiquan.

Per continuare a leggere fai un abbonamento online su TaichiBlog e accedi agli articoli di approfondimento e all’intera traduzione dei 10 più importanti manuali della storia cinese sul Taijiquan, noti come “Classici” di Wang, di Wu(Hao), di Li, di Wu, degli Yang e dei Chen.
Centinaia di pagine tradotte (e spiegate) per la prima volta dal cinese in una lingua dell’UE (l’italiano).
I contenuti esclusivi che trovi su TaichiBlog non li trovi su nessuna pubblicazione cartacea o digitale.

Buona pratica e ricerca a tutti.
© Valerio Bellone

Scritto da:

Valerio Bellone

Ho praticato in modo ludico arti marziali sin da quando ero bambino: Judo, Karate, Muay Thai, Kali Filipino, Silat, Close Combat. Infine ho incontrato il Taijiquan e da quel momento ho dedicato tutto me stesso alla pratica, alla ricerca e allo studio di quest'arte.
Il mio percorso nel Taijiquan è iniziato con il wushu moderno (Taijiquan in forma sportiva) e successivamente ho approfondito lo stile di Cheng Man Ching per poi passare ad altri filoni di insegnamento derivati dalla tradizione antica della famiglia Yang.
Tengo anche corsi di gruppo e per istruttori nella città di Palermo. Puoi approfondire la mia conoscenza su questa pagina.